| Stampa |

Chitarra

 

Image 


Il montaggio di una corda non è da sottovalutare ai fini della sonorità di uno strumento, difatti per quanto nobile possa essere la costruzione e la scelta dei legni, il cattivo attacco della corda può compromettere quegli aspetti del suono essenziali ai fini musicali e tecnici.
Gli aspetti del suono più importanti quali il timbro, l'intensità e la durata, possono essere compromessi da attacchi posticci che riducono la fedeltà del suono prodotto e con esso la volontà del musicista.

Un attacco molliccio può ridurre la durata e limitare la dinamica del suono, rendendo difficile o incomprensibile l'espressione di una melodia, falsando viepiù il pensiero del compositore stesso. Tale anomalia rende disomogenea la durata del suono tra le diverse corde, con l'effetto di ottenere accordi scomposti e difficili da produrre.
Tecnicamente uno strumento è molto più soggetto a repentine scordature a causa dei continui assestamenti dell'attacco, causando tra l'altro la scarsa longevità della corda stessa.

Limitante ai fini della produzione degli armonici e quindi del timbro, è un'errata distribuzione delle curve che una corda è costretta a compiere sullo strumento, sia per scaricare le vibrazioni sulla tavola di risonanza che per essere fissata sul capotasto, provocando la paralisi del movimento del tratto di corda tra il ponticello e l'attacco, limitando l'oscillazione della corda sul ponticello impedendo la completa divisione armonica della corda vibrante, con l'effetto di ottenere note più povere e disomogeneità tra le note prodotte sulla medesima corda, riducendo di molto anche gli armonici sviluppati per simpatia, che limitano quanto più la produzione del terzo suono, caratteristica estetica essenziale all'espressione emotiva del pensiero musicale...

E' disponibile in area Download la sezione completa!

 

Ricerca nel sito

Sponsorizzazioni

Advertisement

Newsletter

Nome

E-mail